Genealogia consigli pratici e importanti

Genealogia consigli pratici e importanti

Genealogia consigli pratici e importanti per svolgere una buona ricerca genealogica che possa essere considerata valida a tutti gli effetti.

Un ricercatore genealogico considera valido un dato solo se è documentato da un certificato storico o anagrafico di qualche ente statale o ecclesiastico.

I documenti degli eventi di storie familiari sono rintracciabili nei fondi dello stato civile degli Archivi di Stato (c’è un Archivio di Stato in ogni capoluogo di provincia); nei fondi dello Stato Civile dei comuni; nei fondi del cimitero e degli Archivi Diocesani della chiesa.

C’è forse un posto dove non c’è un cimitero o non c’è una chiesa? Certo che no! L’Italia è il paese delle parrocchie e nelle parrocchie possiamo trovarci registri che risalgono persino al periodo medievale.

La diffusione dei cognomi

La diffusione attuale del cognome potrebbe essere un dato fuorviante per la ricerca genealogica, perché le persone si muovono da un paese all’altro, viaggiano, emigrano. Un cognome molto diffuso oggi in Lombardia potrebbe essere invece originario della Sicilia. Per la genealogia del cognome bisogna seguire le tracce che il cognome ha lasciato nella propria storia. Ecco perché i genealogisti guardano con sospetto l’attuale diffusione e danno molto più credito ai documenti storici familiari dello Stato Civile o dello Stato delle Anime negli archivi ecclesiastici.

Siti Web e Banche Dati

Con il costante crescere delle reti informatiche molte banche dati stanno pubblicando online documenti storici familiari. Tra questi siti web affidabili in Italia c’è il Portale Antenati e Familysearch che sono completamente gratuiti e, grazie all’indicizzazione, sono in costante sviluppo numerico e qualitativo. Altri siti web a pagamento offrono un buon servizio, ma bisogna fare attenzione a quelli che promettono tanto e danno poco o niente.

Nascita del cognome

Il cognome moderno, cioè quello che oggi abbiamo tutti, nasce con il Concilio di Trento. Durante il Concilio di Trento, riunitosi nell’anno 1564, si sancì la regola per le parrocchie di possedere un registro dei battesimi con nome e cognome. Ovviamente prima del concilio di Trento solo i commercianti, i nobili o i notabili usavano un secondo nome (cognome, titolo o qualifica) insieme al nome proprio di battesimo o di nascita.

Cognomi pluralizzati

Durante il medioevo pluralizzavano il cognome quando dovevano indicare una famiglia invece della singola persona. I Rosso diventano Rossi e i Bianco diventano Bianchi, eccetera. Ovviamente nelle regole del linguaggio moderno è scorretto pluralizzare il cognome, i Bianco resteranno sempre Bianco e mai più Bianchi.

La globalizzazione e le omonimie

Nomi italiani nel mondo

Molti sono i cognomi d’italiani nel mondo diffusosi a causa della globalizzazione. La globalizzazione è un fenomeno che ha fatto sì che i cognomi si diffondessero in tutti i continenti, molto più lontano dal paese in cui sono nati, così che possiamo trovare cognomi asiatici in Europa o americani in Oceania.

Ci sono cognomi italiani che sono presenti quasi ovunque nel mondo. Allo stesso modo ci sono paesi dove certamente il numero di persone con un cognome italiano è maggiore rispetto al resto degli altri paesi.

Ovviamente bisogna tener conto delle omonimie, molti cognomi si somigliano ma non hanno nessuna relazione di parentela.

La diffusione attuale potrebbe essere un dato fuorviante per la ricerca genealogica. Bisogna tener conto dei flussi emigratori che ci sono stati nei secoli scorsi, ma anche di quelli che sono tutt’ora in corso.

Famiglie illustri

Perché indagare nei cognomi dei nobili del passato? Sapere se ci sono già state famiglie nobili con lo stesso cognome dell’antenato che state cercando è molto utile ai fini della ricerca genealogica, perché potrebbe esserci un capostipite che ha dato origine al cognome. Il termine nobile deriva dall’espressione di lingua latina nobilis, che significa “rinomato”. Per coloro che siano privi di un particolare titolo nobiliare, anche se non discendano da famiglia aristocratica, vengono usati i termini di Nobiluomo o Nobildonna, oppure Don o Donna.

Consigli pratici e importanti per genealogia

#Genealogia #Indicizzazione #Antenati #Retaggio #Cognomi #Familysearch – Genealogia consigli pratici e importanti

Per ulteriori domande, commenti e contributi entra nel gruppo Facebook https://www.facebook.com/groups/retaggio

BLOG COSTANTEMENTE AGGIORNATO
Usa il modulo dei commenti per aggiungere dati informativi a questo blog oppure alla pagina.
Oppure fai le tue domande nel gruppo Retaggio su Facebook.
Grazie a tutti per la cortese collaborazione.

GenealogiaOnomasticaAraldicaRisorseSiti WebGenealogistiIl Bel Paese

Come ambasciatore di FamilySearch ti invito a registrati al sito web FamilySearch

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.