Documenti rari e preziosi

Documenti rari e preziosi. Gli Archivi di Stato italiani conservano il patrimonio documentario più ricco del mondo. Tra le carte si annidano dei veri e propri gioielli; l’Archivio di Stato di Reggio Emilia ha deciso di farne conoscere alcuni dei suoi. Non si vuole menare vanto; non si tratta di un’ammiccante operazione di marketing, per attirare visitatori superficiali e svagati. Attraverso la bellezza delle immagini, è il tempo della storia che ancora parla a coloro che hanno la sensibilità di percepirne la voce.

Documenti rari e preziosi

          I pezzi presentati (solo pochissimi fra i molti), sono documenti d’archivio a tutti gli effetti. I loro autori non erano mossi dall’intento di realizzare un’espressione artistica.

Gli Statuti contengono le normative che regolavano la vita del Comune. I libri delle Sentenze e condanne corporali erano atti giudiziari; piante e mappe di terreni, lunghe e costose da redigere, si rendevano necessarie solo in caso di controversie di confini o contestazioni di proprietà.

Eppure, per molti secoli parve naturale, ovvio persino, che l’ufficialità e l’importanza di un documento fossero attestate, oltre che dal contenuto, anche dal suo decoro, dal suo aspetto curato, in ultima analisi dalla bellezza formale.

Testimonianze del tempo

          Con il passare del tempo, la testimonianza immediata dell’ufficialità di un atto è stata affidata ad altri segni. Molto più stilizzati e schematici: i timbri, per esempio. Ed è così che, raffrontando la documentazione antica con quella moderna e contemporanea, si riesce a cogliere il cammino della Storia. Delle istituzioni, degli apparati amministrativi, che non hanno più bisogno di ricorrere alla bellezza delle forme per affermare la propria autorità.

          Una menzione particolare merita la pergamena dell’archivio del Monastero dei SS. Pietro e Prospero, uno dei documenti originali più antichi degli archivi (806): ha attraversato secoli di guerre, catastrofi naturali, pestilenze, carestie, ed è ancora assolutamente intatta, il tempo l’ha solo un po’ annerita.

Il testo e le immagini sono tratte dal sito MIC Ministero Italiano della Cultura. Per la precisione dall’Archivio di Stato di Reggio Emilia. Alcune parole o punteggiatura sono stati modificate per rendere il testo più adatto ai termini in internet.

https://www.archiviodistatoreggioemilia.beniculturali.it/index.php?it/97/rari-e-preziosi

Vincenzo Di Criscito

Preziosi documenti rari e raccolte

Le raccolte degli Archivi di Stato sono realmente un bene prezioso per chi svolge ricerca degli antenati. Particolarmente sono considerati come l’oro o i diamanti per gli orefici, così per gli amanti della ricerca Genealogica e il retaggio italiano.


Documenti rari e preziosi – #ArchviDiStato #Archivi #Documenti #Genealogia #Retaggio

BLOG COSTANTEMENTE AGGIORNATO
Usa il modulo dei commenti per aggiungere dati informativi a questo blog oppure alla pagina.
Oppure fai le tue domande nel gruppo Retaggio su Facebook.
Grazie a tutti per la cortese collaborazione.


GenealogiaOnomasticaAraldicaRisorseSiti WebGenealogistiIl Bel Paese

Come ambasciatore di FamilySearch ti invito a registrati al sito web FamilySearch


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.